MA FICO SARA’ FICO?

C’è stato grande fermento in città all’arrivo di Fico.

Per quei pochi che ancora non sapessero cos’è, si tratta del più grande parco agroalimentare del mondo. Fico è l’acronimo di Fabbrica Italiana Contadina, con due ettari di campi, 40 fabbriche, allevamento di animali, luoghi di ristoro, botteghe, mercati, aule didattiche, teatro, cinema e un centro congressi in grado di ospitare fino a mille persone.

Un progetto ambizioso che mira ad avere oltre sei milioni di visitatori all’anno.

Mi è stata data l’occasione di partecipare ai primissimi eventi organizzati in prossimità dell’apertura. L’anteprima per la stampa e l’inaugurazione vera e propria. Ho quindi visto il parco al massimo del suo splendore e potendo degustare le prelibatezze offerte da ciascun luogo di ristoro presente all’interno.

I prodotti da acquistare sono, senza ombra di dubbio, di alta qualità e, come spesso accade, all’alta qualità si accompagnano prezzi non proprio abbordabili. Diciamo quindi che il supermercato non si presta ad essere un punto di riferimento per la spesa settimanale ma certamente offre prodotti particolari che fanno fare bella figura quando si hanno ospiti a cena o si regalano le ceste natalizie al miglior cliente.

Il parco è di grande impatto, grande nel senso letterale del termine. Un’area immensa, un’architettura non certo avveniristica ma sicuramente originale,    animali che faranno gioire i bambini, cani da tartufo in azione, campi coltivati, laboratori che sfornano biscotti o mozzarelle, il minigolf, una spiaggia con un campo  da beach volley e persino il parrucchiere (assolutamente da provare perché è Oway, ve ne parlai tempo fa qui). C’è anche Cinque, il ristorante di Enrico Bartolini, chef stellato.

Mangiarci non è economico e, considerato che siamo a Bologna, dove la maggior parte delle trattorie regalano esperienze mistiche, l’idea che i bolognesi e i turisti preferiscano Fico ai locali sparsi per la città mi lascia fortemente dubbiosa.

Le critiche, anche feroci, non sono mancate ma la cosa non stupisce dato che il patron di Fico è il tanto chiacchierato Oscar Farinetti. Non entrerò nel merito delle stesse, non ne ho le competenze. Mi limiterò a dire che, nonostante le tante perplessità, da bolognese, faccio il tifo per Fico.

I turisti, non solo stranieri, sono in aumento e l’interesse verso quella che una volta era solo una piccola città di passaggio, sta crescendo in maniera esponenziale. Il parco dovrà essere in grado di rappresentare quel quid che lo porti ad essere inserito nel programma di visita del turista. Se Fico sarà in grado di stuzzicare in maniera continuativa la curiosità dei visitatori e  di offrire sempre qualcosa di innovativo, ci sono buone possibilità che sopravviva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *