E TU, SEI CORAGGIOSO?

Mi è stato chiesto se sono una persona coraggiosa.
Non ho saputo rispondere, almeno inizialmente. Non ho avuto un’esistenza molto avventurosa, almeno fino ad oggi.
Poi l’illuminazione.
Sono una persona coraggiosa? Sì, lo sono.
Negli ultimi dieci anni ho messo in discussione gli aspetti più importanti della mia vita.
Il rapporto con i miei genitori, l’amore, il mio percorso lavorativo.
Se pensate che non occorra avere coraggio per mettersi in discussione, significa che non lo avete mai fatto veramente, non nel modo giusto almeno.
Occorre essere lucidi, obiettivi e dare spazio alla verità. E la verità può essere spietata.
Mettersi in discussione è un percorso doloroso. Significa affrontare i propri spettri, togliere la bella confezione nella quale abbiamo infilato le nostre convinzioni e scoprire se sotto alll’involucro, il contenuto si sia mantenuto in buone condizioni oppure sia marcito. Significa alzare il tappeto e respirare la polvere che abbiamo nascosto per anni.
Tutti ci costruiamo una comfort zone: insomma chi li vuole i problemi, non ne abbiamo già abbastanza? Che sia la famiglia, un rapporto di coppia, un’amicizia sbagliata o un lavoro. Restiamo fermi pensando di limitare i danni e intanto stagniamo, nell’egoistica speranza che qualcuno o qualcosa venga a bonificare l’area al posto nostro.
Non vi dirò le classiche frasi di circostanza tipo: “La forza di cambiare dobbiamo trovarla dentro di noi/ volere e potere” ecc… non perché non ci creda ma perché trovo inutile sottolineare l’ovvio.
Ciò che posso dirvi è che arriva un momento in cui lo capiamo che se non usciremo da una determinata situazione, ci creperemo lì dentro. E’ quello il momento in cui si decide se essere coraggiosi o codardi. E’ quello il momento della scelta consapevole. E se è vero che accettare una realtà che non ci piace fa male, è altrettanto vero che la naturale conseguenza di questa presa di coscienza sarà liberarsi per sempre di ciò che ci danneggia, ci rende infelici o semplicemente inetti.
E voi, siete coraggiosi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *